Dicono di noi…

Dicono che siamo i ragazzi di Giuliana Fontanella… 

Non siamo i ragazzi di Giuliana Fontanella. La presidente delle Ville Venete, sig.ra Giuliana Fontanella, sostiene un altro candidato sindaco, il dott. Alessandro Tonin. Qualcuno ha un po’ le idee confuse e non si rassegna all’idea che Nuova Chiampo è una lista civica, realmente nuova….

Dicono che siamo grillini mascherati…

Non apparteniamo al movimento  fondato da Beppe Grillo. Con il Movimento cinque stelle (M5S) condividiamo l’idea di un rinnovamento forte della politica, crediamo che servano risorse nuove, giovani, preparate, oneste. Riteniamo, tuttavia, che la politica debba anche essere in grado di unire e di costruire. E’ per questo che abbiamo deciso di fondare la nostra campagna elettorale sulle proposte e non sulle critiche verso chi ha governato fino a ora, nei confronti dei quali riteniamo si debba portare rispetto.

Dicono che siamo troppo cattolici… 

E’ senz’altro vero che molti di noi frequentano e hanno frequentato in passato i gruppi parrocchiali. Riteniamo che i valori siano importanti, così come le nostre tradizioni. Ogni persona è figlia della propria educazione e dei valori che custodisce. Per noi essere laici non significa negare nella scena pubblica il proprio credo e i propri valori, ma consentire a tutte le persone di poter esprimere egualmente il proprio credo e  i propri valori. Sosteniamo un modello di laicità propositiva e positiva.

Dicono che siamo troppo giovani e inesperti… 

Il nostro gruppo è composto da persone di tutte le età e la nostra lista ambisce a rappresentare tutte le età, non soltanto i c.d. “giovani”. Dobbiamo poi capire cosa si intende per “giovani”. Nel resto del mondo è normale che i trentenni siedano tra le fila del parlamento e del governo, mentre nel nostro paese sembra che prima di cinquant’anni non si possa pensare di ricoprire ruoli di responsabilità. Con il risultato che la nostra classe politica è la più vecchia d’Europa.

L’inesperienza poi è sempre stata la scusa con la quale si sono tenute lontane persone nuove dalla politica e la vecchia politica ha potuto “prosperare”. Ma se i risultati dell’esperienza sono quelli che vediamo oggi, anche nel nostro comune, ci pare chiaro che ciò che serve non è esperienza ma  competenza. E’ per questo che i membri di Nuova Chiampo hanno svolto un percorso di formazione per poter essere competenti e pronti ad amministrare.

Dicono che il nostro andidato sindaco è troppo trentino… 

E’ vero, il nostro candidato sindaco ha studiato e tiene dei corsi all’Università di Trento. Ma è nato, è vissuto e risiede a Chiampo. Riteniamo che l’aver viaggiato rappresenti una qualità in più, non un difetto. Viaggiare consente di conoscere altre realtà, di apprendere buone pratiche da importare, di aprire la propria mente e i propri orizzonti. Riteniamo che Chiampo abbia bisogno proprio di questo, di uscire dalla ristrettezze della valle e di aprirsi al mondo per diventare realmente una città moderna.

Dicono che apparteniamo al partito Fare per fermare il declino

Nuova Chiampo è una lista realmente civica e non è apparentata con alcun partito. Con il partito Fare condividiamo le preoccupazioni per uno Stato che tratta i cittadini come sudditi, che disincentiva  gli imprenditori e chiunque abbia lo spirito imprenditoriale a investire in virtù di una tassazione insopportabile e di una burocrazia irragionevole, che fornisce servizi inefficienti a fronte di una tassazione tra le più alte d’Europa.